FONETICA SIăILIANA

Fonetica: Sturiu supra i 'fonemi autoctoni' sišiliani.
Testo italiano: Per agevolare a tutti la lettura dello studio
sulla fonetica siciliana.
Ortografia: Comu s'aiss'a scriviri u sišilianu.
Vocabbolariu: Italianu - Sišilianu, pi mpararisi i paroli sišiliani.


 

 


SCRIVI N ZIăILIANU

   I sišiliani, i funemi autoctoni, ni mparamu a prununzialli di nichi, ma a scrivili, Ŕ tutta nautŕa cosa chi nn'am'a mparari.
   Scrivi 'n zišilianu, comu si parrassi 'n famigghia, e viri a diffirenza: L' idei, nmeši chi ri 'n testa, nescinu du cori.


Abbisi E tempi era na manera pi passari u tempu n alliria.
Si vulissi abbisari l'abbisu, ma la menti veni purtata a pinzari cosi chi mancu si ponnu riri. Nun z'arriva mai a vastasati. Ranni e nichi si cci addivirtianu, e lu malupinzeri scuagghiava nall'alliria appena si sintia a soluzioni.
C¨ntura r' Es˛pu
Es˛pu (pueta grecu du VII - VI seculu a.C.) pi scriviri supra i vizi e i virt¨ di l'omini, li misi comu un specchiu ravanti all'armali, e di chisti cuntava cuantu eranu sperti o fausi, sinceri o minzugnari, amiši o tŕaritura. Sunnu cuntura curti cun finali morali, pi dari educazioni.
Ssi cuntura arristaru na menti, ca ancora oji vennu nominati cuannu si voli rari nu nzignamentu.
GiufÓ
GiufÓ Ŕ un picciottu gnuranti assai, chi si va cerca sempri li vai, ma si nni nesci 'cuasi' sempri, e spissu senza vulillu, frisch'e tennaru.
Campa a la jurnata bacchittuniannu puru cuannu pari ca u munnu ci sta carennu n capu.
Ne banni mei
Fatti e fattare­­i jennu pi li cuntŕati ra me terra.
Stori di Sišilia
Aretusa/Siggesta/Proserpina/Ciani/Sireni/Colapisci/Eriši.
   Tanti cuntŕati ra Sišilia hannu nomi chi i greši cci misiru pinzannu a patŕia r'i­­i.
   Tanti nomura, di fatti e di stori antichi chi si cuntanu, nfluenzaru a curtura ra genti sišiliana.
 
Pruverbi
A saggizza ra genti ru populu.


 

 


PUETI   SIăILIANI

A puisia di me nonnu A ranni verra '15- '18. Me nonnu no nfernu ri tŕincei. I so piripezii.
A Sciarra
Sciarra, a palori, ntŕa unu di Pachinu e unu di Terranobbili (Portu Palu).
Giovanna Silvano
Cuannu Amuri vušia,
Addiventa Puisia.


 

 

Un Zalutu Un Commentu

 

 


1.   I segni fonetiši

 Cu sturia u parrari sišilianu, avia assai ca l' avia a fari: Pigghiari i segni adatti pi scriviri i nostŕi fonemi autoctoni.
 Autŕi populazioni, chi hannu orgogliu ra propria linġua, u fiširu. Pi chissu nall' arfabbetu nternaziunali si ncontŕanu sti segni:

Đ ▀ Ă ┼

 Pi adattari l'arfabbetu latinu ognuno a so linġua.

 Avemu un prubblema praticu. Quantu ri nuautŕi sišiliani amu mai scrittu 'na littŕa, un missaggiu, 'na ŕelazioni 'n zišilianu? A parti i pueti, nu­­u.

 Ammittemu ca mi mettu ravanti a 'na tastera e vulissi scriviri 'na littŕa rispittannu i fonemi autoctoni. Pi esempiu:

 

  • ă
  • Đ
  • n Ğ
 A tastera "QWERTY" nun aiuta a scriviri sti segni ra Mappa di Carattiri (Font) nternaziunali, allura am'a tŕuvari nuautŕi stessi na soluzioni, e nna sti paggini am'a arrivari a scriviri u 'sišilianu foneticu' comu veni prununziatu.
  • 'Sh': Ŕ a furma debbuli autoctona da cunzunanti 'C ruši'.

  • 'đ': Pi scriviri a cunzunanti 'D' palatali autoctona.

  • 'n Gh': Pa cunzunanti 'G' dura dopu a 'N'

 

 

 


3.   Palori sišiliani

    - A parola Soccu.

Soccu fai u fai pi ttia.
Zoccu fai u fai pi ttia.  (Vulissiru scriviri šertuni)

      Scriviri 'Zoccu fai', tŕarušennu u 'Ci˛' nu 'Zo', parissi giustu s''un fussi pu fattu ca u sišilianu nun Ŕ na linġua tŕarušiuta dall' italianu. Sta parola 'Ci˛' nun esisti no modu di pinzari, parrari e scriviri di sišiliani. C' Ŕ cu' scrivi 'Zoe' = CioŔ' chi 'n zišilianu nun dišemu:

E con ci˛? - E cu zo? - usamu 'n meši: E cu chissu?
Cio' detto, continuiamo. - Zo rittu, cuntinuamu. - usamu nmeši: Rittu chissu, cuntinuamu.

      Veru e', nmeši, ca iu haiu sempri sintutu, ri tutti i sišiliani, di tutt' i parti ra Sišilia, prununziari 'Soccu':

Chi cosa voi? - Soccu voi?
Chi­­u chi fai u fai pi ttia. - Soccu fai u fai pi ttia.

 

     - A parola Rarigghia

- A prima R , esti ru gruppu gr . Siccomu a 'g' dura debbuli e' aspirata, a sillabba ra , 'n miritÓ sta pi gra . O megghiu: 'ra .

- A sicunna R Ŕ a furma debbuli ra cunzunanti d . Debbuli picchý a sillaba prima Ŕ lonġa ( ma sti cosi i viremu poi no sturiu). Perci˛ ..

- Nto modu Standard fussi gradigghia , ma nto modu foneticu, comu a genti sišiliana parra e scrivi, si scrivi rarigghia.

     'N zišilianu a parola Grada='Rara , Ŕ un tilaru di ferru chi si metti p'evitari i ntŕusi.
     'N zišilianu, u diminutivu rarigghia voli riri u tilaru di ferru chi servi p'arrustiri i pisci.

     U fattu ch'a G dura debbuli e' aspirata, si viri puru na parola Ba'arýa, nmeši di Bagarýa, o Augghia, nmeši ri Agugghia, Spau nmeši di spagu.
     Ora fašemu dui esempi unni si viri a diffirenza ntŕa a G dura debbuli quannu havi ravanti na sillabba longa, e a G dura forti quannu havi ravanti na sillabba brevi.
  • I pisci carýanu no focu, picchý a rarigghia avia i magghi larghi.
    (l'articulu 'a', chi Ŕ davanti a parola, havi l'accentu lonġu)

  • Si prisintau cu grarigghia e furchittuni, prontu p'arrustiri i pisci.
    (a priposizioni 'cu', chi Ŕ davanti a parola, havi l'accentu brevi).

 

     - A parola Ana

N miritÓ s'aviss'a scriviri 'Ana, picchý davanti a la 'A' c'Ŕ a G rura debbuli  aspirata, nun avennu na sillabba accentu brevi ravanti.
Ma u segnu aspiratu nun zi scrivi. Perci˛

  • - Stu jornu nun hai ana ri tŕavagghiari.

Si poi unu no sirvizzu si cunnuši, allura si cci riši:
  • - Nun Ŕ gana ri tŕavagghiari, accussý!

Virennu poi chi chistu 'un ni voli mancu a broru, allura si cci riši:
  • - Stu jornu nun zý n ġana ri tŕavagghiari!

Comu i sišiliani sapemu, chisti sunnu i tŕi maneri di prununziari e scriviri a prima sillabba ra parola Ana:
  • - Ana.     Quannu Ŕ debbuli.
    - Gana.    Quannu Ŕ forti.
    - N ġana.   Quannu Ŕ mprignata ra 'N' ravanti.

     Cosi com'a chissi, e autŕi, sturiamu ne paggini appressu chi stai jennu a leggiri.

 

 

 

 


4.    U vocabbolariu

     Pigghiamu u vucabbolariu.
     Iu haiu u . . .

Vocabolario Siciliano-Italiano
di Antonio Tŕaina
Reprint s.a.s. Milano - 1159 pagine.
A 'prifazioni' e' ru 25 giugnu 1868.

 CcÓ ne paroli du vucabbolariu, si ncontŕanu tutti l'idei e l' ipotesi supra a linġua sišiliana.

 Dui seculi narrŔ u sapianu ca ci sunnu cunzunanti variabbili. U vucabbolariu, na bona parti, e' scrittu accussý

SciÓccula. V. Ciaccula.
Sciancu. V. Ciancu.
eccetira

 E nun ci po' essiri cunfusioni, picchý . . .

Sciaccu. Unni u varveri ammogghia u pinze­­u;
Sciara. Chi e' un chianu di lava, oppuru un chianu tŕoppu pitŕusu;
sunnu scritti giusti.

 Comu viri u prubblema u canuscianu ma nun l'avianu sturiatu, comu nmeši fiširu autŕi (Giacomo de Gregorio), distinġuennu a diffirenza tŕa i rui cunzunanti 'SC' e 'ă, e puru 'D' e 'đ', chi nun z'hav'a cunfunniri ca Doppia D (dd).

Pi esempiu:
Si iu ricu:
  • fiširu a sciarra pa vincita
Oppuru:
  • Allurtimu finiu a sciarra!

 Comu si viri, a cunzunanti Sc, chi si tŕova nta rui situazioni grammaticali diffirenti, prima e dopu nun cancia, e si chiama cunzunanti stabbili.

Nmeši si dicu:
  • A mamma priparau a šena
Oppuru:
  • Veni a cena ch'Ŕ prontu!

 Comu si viri a cunzunanti "ă - C", puru essennu a stessa parola, ma tŕuvannusi nta situazioni grammaticali diffirenti, cancia, e si chiama cunzunanti variabbili.

 Sti situazioni grammaticali e fonetiši, nta tutti i vocabbulari sišiliani nun mennu cunziddirati, picchý sunnu scritti di genti allittŕata chi nun ŕispettanu u parrari da genti sišiliana, er Ŕ dintŕa ssi situazioni fonetiši chi s'attŕovanu cunzunanti particulari chi vennu prununziati sulu 'n Zišilia, e si chiamanu e sunnu . . .:
      Cunzunanti autoctoni.

 

 


5.    U ŕinforzamentu. I sišiliani cuannu parramu semu comu scenziati: Cuannu ascutamu, am'a ghir'abbisari, a sicunnu di comu i palori sunnu ritti e du statu d'animu du cui li riši, soccu voli riri.
Cuannu parramu, na frasi p˛ aviri tanti significati a sicunnu comu rišemu a frasi e a sicunnu ru statu d'animu ch' avemu, si sapemu cuntŕullari i nostŕi sintimenti o cci mittemu rintŕa tuttu u nostŕu 'Pathos', chi fa arrizzari i capi­­i (Empatia).

Stu fenominu Linġuisticu-Foneticu-Empaticu veni guvirnatu non puntu prišisu: Unni dui palori, una appressu a nautŕa s'incontŕanu. Na ssu puntu, a fini di na parola e u principiu di nautŕa, si ncontŕanu tanti situazioni Grammaticali, Fonetiši, Empatiši.
Ntantu ham'a diri ca c'Ŕ na leggi fonetica chi guverna si a prima sillabba di na parola hav'a essiri debbuli o forti [ Viri ccÓ ].
Per˛ . . .

  • Cuannu vulemu dari un zignificatu chi¨ forti a na parola, a sillabba unni ncumincia di debbuli a canciamu a forti.
  • Cuannu, nmeši, sta sillabba di forti a canciamu a debbuli, nun significa ca cci mittemu menu Pathos, ma anzi a variazioni havi na valenza chi¨ empatica.
  •  

    * * *

     Stu meccanismu, nzemmula e Cunzunanti Autoctoni, esti u secretu chi a la linġua sišiliana cci runa u spešificu di essiri una ri linġui chi¨ caratteristiši ntŕa chi­­i neolatini.

     

     

    Sišilia be­­a

    Di mungibbe­­u tutti figghi semu
    Terra di focu, di canti e d' amuri.
    St'aranci sulu nui li pussiremu
    E la Sišilia nostŕa si fa onuri.

    E di luntanu veninu
    Li furasteri a massa
    Rišennu la Sišilia
    Chi ciauru chi fa!

    E tonchi tirichi tonchi ti
    Tonchi tonchi tonchi ti
    E tonchi tirichi tonchi ti
    LallarallerullÓ LallarallerullÓ


    L'uduri di la zagara si senti
    E riturnau la be­­a primavera.
    Rosi sbucciati a lu suli cušenti.
    Sišilia be­­a tu si na šiurera.

    Chi ciauru, Chi ciauru
    Di balicu e di ŕosi.
    Evviva la Sišilia
    E l'abbitanti so'!

    E tonchi tirichi tonchi ti
    Tonchi tonchi tonchi ti
    E tonchi tirichi tonchi ti
    LallarallerullÓ LallarallerullÓ

     

     

    Il quadŕo 'Masseria siciliana' e' di Salvo Caramagno

     

    <p>Pagina in Italiano:<br> Ortografia e fonetica siciliana: studio dei fonemi autoctoni siciliani. Come pronunciarli e come scriverli.<br> Dialogo: La borgata dove abita lo zio Mommu ăona. Aneddoti della sua vita.<br> La poesia di mio Nonno: La grande guerra 1915-&#39;18. Mio nonno nell&#39; inferno delle t&#341;incee. Le sue peripezie, il suo ricordo.<br> Le favole di Esopo: Esopo ha scritto racconti dove gli animali fanno e dicono cose umane.<br> Dalle mie parti: Dappertutto, dove vado, debbo guardare, toccare, conoscere.<br> Scriviamo in siciliano: I siciliani, i fonemi autoctoni, li abbiamo imparato a pronunciarli da piccoli. Ma a scriverli e&#39; tuttaun&#39;alt&#341;a cosa che dobbiamo imparare!<br> Scrivi in siciliano come se parlassi in famiglia e vedi la differenza: Le idee, piuttosto che dalla mente, escono dal cuore.<br> 1- In base a cosa ho t&#341;ovato nella Grammatica di Giuseppe PitrÚ#39;, debbo continuare: -In piedi! &quot;In nome di PitrÚ#39;, dichiaro che questo studio s&#39;ha da completare e farlo conoscere in tutta la sicilia! Ora ci vorrebbe chi, avendo studiato e avendo una mente disciplinata in questi argomenti, sapesse impioni che ho raccolte in un modo scientifico. Ma chi¨ <br> Questo studio e&#39; dedicato a tutte le persone che da una vita si dedicano alla divulgazione della cultura siciliana.<br> Se c&#39;e&#39; chi, prendendo spunto dalle mie pagine, perfeziona la nost&#341;a lingua, mi fa tanto piacere. Il massimo sarebbe se utilizzasse &#39;in toto&#39; le scoperte che ho fatto e le realizzasse nei suoi scritti, nelle sue ricerche.<br> 2- I segni Fonetici: Chi studia il linguaggio siciliano avrebbe dovuto farlo da tempo: Prendere i segni adatti per t&#341;ascrivere i nost&#341;i fonemi autoctoni.<br> Alt&#341;e popolazioni, con l&#39; orgoglio della propria lingua l&#39;hanno fatto. Per questo nell&#39; alfabeto internazionale si incont&#341;ano questi segni:<br> ????????? &quot; 6 A E V ^ f r<br> PerchŔ dobbiamo scrivere &#39;i­­u&#39; invece di &#39;iddu&#39; Noi siciliani conosciamo la differenza fonetica t&#341;a &#39;i­­u e &#39;friddu&#39;<br> Noi siciliani conosciamo la differenza fonetica t&#341;a &#39;šiuri&#39; e &#39;ciappula&#39;.<br> Sono gli alt&#341;i a non saperlo. Per questo i nost&#341;i fonemi si debbono scrivere con una grafia propria. Non per distinguerli dalla lingua italiana, ma, semmai, per dare alla lingua siciliana un rango t&#341;a le lingue neolatine, cioe&#39; di fonetica neolatina.<br> 3- La parola &#39;Soccu&#39;. Scrivere la parola &#39;Zoccu&#39; t&#341;aducendo l&#39; italiano &#39;Ci˛&#39; in &#39;Zo&#39;, sembrerebbe giusto se non fosse per il fatto che il siciliano non e&#39; una lingua t&#341;adotta dall&#39; italiano. &#39;Ci˛=Zo&#39; non esiste nel modo di pensare, parlare e scivere dei siciliani. C&#39;e&#39; chi vorrebbe scrivere &#39;Zo = Ci˛&#39;, che i siciliani mai abbiamo detto.<br> &#39;Cio&#39; e Zo&#39; non corrispondono. Vero e&#39;, invece, che da sempre ho sentito pronunciare da tutti i siciliani, in tutte le parti della Sicilia, la parola &#39;Soccu &#39;.<br> 5- Cosý noi. Abbiamo scoperto tanti particolari della nost&#341;a lingua? E li dobbiamo rispettare! Scrivi!<br> Il siciliano puo&#39; essere scritto solo da chi e&#39; siciliano e parla siciliano. Alt&#341;imenti lo deve imparare!<br> La maggior parte delle persone scrivono il siciliano, come i ragazzacci che mangiano alla cafona: agguantano pasta, salsa e carne e se la st&#341;opicciano in bocca.<br> Cosi&#39; in tanti, quando scrivono in italiano, o alt&#341;a lingua, conoscono tutte le regole e le eccezioni, quando scrivono in siciliano si buttano alla cafona; tanto e&#39; una lingua che nessuno conosce e che a nessuno interessa, percio&#39; pensano di poterselo permettere.<br> 6- Il Vocabolario siciliano: Adesso che sappiamo come scrivere la nost&#341;a lingua, consultiamo un vocabolario: Confrontando i tanti riporti<br> Scia&#39;ccula. V. Ciaccula.<br> Sciancu. V. Ciancu<br> si vede che il problema delle consonanti deboli era conosciuto, ma non Studiato, distinguendo t&#341;a &#39;Sc&#39; e &#39;sh&#39;, T&#341;a &#39;R&#39; e R&#39;, eccetera.<br> </p>